ALFA ROMEO DI NUOVO IN PRIMA FILA ALLA 1000 MIGLIA

ALFA ROMEO DI NUOVO IN PRIMA FILA ALLA 1000 MIGLIA

La mitica 1000 Miglia, in programma dal 15 al 18 maggio, vedrà la partecipazione di Alfa Romeo in qualità di Automotive Sponsor, rinnovando il connubio anche per i prossimi due anni.

La relazione tra la “corsa più bella del mondo”, come amava definirla Enzo Ferrari, e il marchio del Biscione è una storia costellata di successi. La 1000 Miglia è nata nel 1927 come gara in linea sul percorso Brescia-Roma-Brescia per un totale di 1600 chilometri – cioè 1000 miglia imperiali – e già nel 1928 Alfa Romeo portò al traguardo tutte le otto vetture che aveva schierato vincendo sia la classifica individuale che quella a squadre.

Se poi andiamo a sfogliare l’albo d’oro vediamo che sul totale delle 24 edizioni della competizione Alfa Romeo collezionò 11 vittorie, un record che non potrà mai essere battuto e che sancisce l’indissolubile legame tra due marchi.

Grazie alla rievocazione storica che si svolge dal 1977, la 1000 Miglia torna ogni anno come gara di regolarità per le vetture prodotte non oltre il 1957 che avevano partecipato alla corsa originale. Quindi anche quest’anno alla kermesse bresciana parteciperanno alcuni preziosi modelli Alfa Romeo d’epoca appartenenti alla collezione di FCA Heritage conservati presso il Museo Storico Alfa Romeo di Arese. E accanto a questi gioielli d’epoca sfileranno anche trenta Giulia e Stelvio in qualità di vetture ufficiali della 1000 Miglia 2019.

STORIA E FUTURO CONNESSI PER I 120 ANNI DI FIAT

STORIA E FUTURO CONNESSI PER I 120 ANNI DI FIAT

Celebrare la storia guardando sempre avanti, è così che Fiat festeggia i suoi 120 anni in occasione del Salone di Ginevra: con la presentazione della famiglia 120° di Fiat 500, la più connessa di sempre.

Questa serie apre un nuovo capitolo della connettività e conferma uno dei principi fondamentali della tradizione Fiat: mettere a disposizione di tutti soluzioni tecnologiche innovative, fruibili in modo semplice e in sintonia con le più attuali esigenze della mobilità quotidiana e con la grande attenzione verso la sicurezza e la comunicazione.

Con il debutto mondiale a Ginevra, 500 “120°” diffonde l’idea di una connettività semplice, democratica, sicura e intuitiva. E conferma questo impegno con la dotazione standard sui modelli 500, 500X e 500L del sistema di ultima generazione UconnectTM, che mettendo a disposizione applicazioni e servizi sul display centrale, permette al guidatore una sicura e tranquilla gestione del flusso di contatti e informazioni.

Il sistema Uconnect 7″ HD LIVE touchscreen  – con predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android AutoTM offre interfaccia Bluetooth con vivavoce, streaming audio, lettore di SMS e riconoscimento vocale, porta USB con integrazione di iPod e comandi al volante. Per questo tutto diventa più semplice e sicuro.

Sempre all’insegna della connettività più evoluta, su tutta la famiglia 500 “120°” è disponibile a richiesta anche Mopar Connect, il sistema di servizi a portata di smartphone per l’assistenza su strada e il controllo in tempo reale delle condizioni del veicolo.

IL 70° ANNIVERSARIO ABARTH CONQUISTA PARIGI

IL 70° ANNIVERSARIO ABARTH CONQUISTA PARIGI

Come ogni anno, lo scorso febbraio a Parigi è andato in scena il Salon Rétromobile, un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati dei “classici” perché, oltre ad essere un’interessante opportunità per acquisti e investimenti, si propone come evento e occasione di arricchimento culturale.

In questo contesto, FCA Heritage ha celebrato la ricorrenza del 70° anniversario del marchio Abarth con l’appassionante storia delle sinergie tra la Casa dello Scorpione e gli altri brand italiani di FCA: una lunga serie di collaborazioni di successo.

Carlo Abarth fondò nel 1949 l’omonima scuderia sportiva, che ancora oggi porta nel logo il suo segno zodiacale, e creò una casa automobilistica dall’anima racing che negli anni seguenti si dedicò alla produzione di componenti meccaniche per l’elaborazione di modelli di altri costruttori.
Nel ripercorrere i momenti significativi di questa storia leggendaria, in mostra abbiamo visto l’Abarth 1000 Monoposto Record Classe G – appositamente restaurata  – con cui nell’ottobre del 1965 Carlo Abarth conquistò personalmente il centesimo record della sua scuderia e che rappresenta un tributo ulteriore alla figura di questo geniale pilota e imprenditore.

Tra le altre chicche in esposizione, c’erano anche tre vetture straordinarie, realizzate in piccola serie o addirittura in esemplare unico: la Alfa Romeo 750 Competizione del 1955, la Fiat Nuova 500 elaborazione Abarth “Record”, prodotta nel 1958, e la Lancia Rally 037 realizzata nel 1982.

JEEP®. IL MARCHIO DEI RECORD AL NUOVO SALONE DI GINEVRA.

JEEP®. IL MARCHIO DEI RECORD AL NUOVO SALONE DI GINEVRA.

Il marchio Jeep arriva all’89° Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra dopo un 2018 da record, tanto da guadagnarsi il titolo di fastest growing brand con un incremento medio di vendite del 56% rispetto all’anno precedente nei principali mercati europei.

Tra i modelli, Compass è stato quello con il maggior numero di veicoli venduti, subito seguito da Renegade che continua a dominare le vendite nel proprio segmento. Al terzo posto, la nuova generazione Wrangler ha registrato il miglior anno di sempre in Europa, con uno straordinario incremento di vendite dell’86%.

Dopo questi risultati eccezionali Jeep® si presenta a Ginevra con delle novità avvincenti, tra cui la Cherokee Trailhawk e la Compass Night Eagle. Ma in particolare sotto i riflettori c’è la nuova gamma “S”, con allestimenti speciali sui modelli Renegade, Compass, Cherokee e Grand Cherokee che vanno ad esaltare l’anima sportiva e prestazionale del brand.

Il kit estetico più sportivo e la ricca dotazione di serie trasmettono efficacemente i valori di libertà, avventura e passione caratteristici del brand, anche in un contesto di spostamenti quotidiani, e sicuramente sono una puntuale risposta al crescente desiderio degli appassionati del marchio di entusiasmarsi con nuove ed esclusive personalizzazioni.