FCA SI UNIRÀ AL GRUPPO BMW, INTEL E MOBILEYE NELLO SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA TECNOLOGICA PER LA GUIDA AUTONOMA

FCA SI UNIRÀ AL GRUPPO BMW, INTEL E MOBILEYE NELLO SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA TECNOLOGICA PER LA GUIDA AUTONOMA

FCA SI UNIRÀ AL GRUPPO BMW, INTEL E MOBILEYE NELLO SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA TECNOLOGICA PER LA GUIDA AUTONOMA

Il gruppo BMW, Intel e Mobileye hanno annunciato di aver sottoscritto un Memorandum of Understanding che prevede che Fiat Chrysler Automobiles (FCA) sia il primo costruttore automobilistico ad unirsi a loro nello sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia, leader nel mondo e destinata ad un’implementazione globale.

Un’autovettura autonoma è un veicolo automatico in grado di soddisfare le principali capacità di trasporto di una macchina tradizionale. È in grado di rilevare l’ambiente e la navigazione senza intervento umano.

Uno dei fattori che consentirà di raggiungere tali obiettivi sarà la co- location di ingegneri in Germania ed in altri luoghi. FCA contribuirà alla collaborazione con risorse di ingegneria e altre risorse tecniche ed esperienza, nonché con i suoi significativi volumi di vendita, la sua portata geografica e la sua lunga esperienza sul mercato Nord Americano.

“Per migliorare la tecnologia di guida autonoma è fondamentale dar vita a partnership tra produttori di autoveicoli e fornitori di tecnologia e componenti”, ha dichiarato Sergio Marchionne, Chief Executive Officer di FCA. “L’adesione a questa collaborazione consentirà a FCA di beneficiare direttamente delle sinergie e delle economie di scala che sono possibili quando le aziende si alleano con una visione e un obiettivo comuni”.

“Il futuro del trasporto dipende dal fatto che i leader dell’industria automobilistica e tecnologica lavorino insieme per sviluppare un’architettura scalabile che le case automobilistiche in tutto il mondo possano adottare e personalizzare”, ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. “Siamo entusiasti di dare il benvenuto al contributo di FCA, che ci consente un ulteriore passo avanti verso la realizzazione dei veicoli autonomi più sicuri al mondo”.

Lascia un tuo commento